Nuovo appuntamento con un personaggio femminile sabato 29 marzo ad Acqui Terme, presso la Sala di Palazzo Robellini alle ore 16:00. Protagonista della serata, organizzata dall’Associazione “Archicultura” sarà Antonella Anedda. Durante la serata sarà possibile apprezzare e approfondire con l’autrice diversi motivi poetici, temi portanti dei suoi versi: la natura, la sonorità di dettagli poveri e semplici, l’ascolto di luoghi e paesaggi della Sardegna, l’osservazione quasi stupita dell’intrecciarsi del tessuto vita/morte e il motivo delle guerre recenti e della loro disumanizzazione. Lo sfondo comune è una luce precisa – paradossalmente – l’ombra della notte, luogo della riflessione poetica.Antonella Anedda èattualmente docente presso il Master di Italianistica all’Università di Lugano, ha composto pagine poetiche tra le più  interessanti di questi ultimi vent’anni, in quello scenario di ricerca dell’epoca di “dopo la lirica” (E. Testa). E’ stata insignita di numerosi riconoscimenti: Premio Montale (1999), premi Dedalus, Dessì e Napoli (2007), premio Viareggio (2012). Accanto alla produzione poetica Anedda si è dedicata alla lettura critica su riviste, alla produzione saggistica che si avvale del filtro personalissimo di una forte sapienza poetica, alla traduzione da celebri autori contemporanei.