1

PALATIUM VETUS LUOGO DEL FAI DI ALESSANDRIA NELLE “GIORNATE DI PRIMAVERA”.

La delelgazione FAI di Alessandria ha presentato stamane tre luoghi di interesse storico artistico e culturale nel cuore della nostra città:

  • PALATIUM VETUS
  • TORRE DEL BROLETTO ingresso Via dei Martiri
  • CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO

Presenteranno i Luoghi i ragazzi delle scuole che aderiscono al progetto APPRENDISTI CICERONI

I.C.G. GALILEI-VIVALDI     – I.C. BOVIO-CAVOUR –    I.C. CARDUCCI-VOCHIERI

25 e 26 APRILE 2023 – GLI ORARI DI APERTURA sono per tutte e tre i luoghi così suddivisi:

SABATO 10-13 / 15-18

DOMENICA 10-13 / 15-18

EVENTI CORRELATI

  • VIA DEI MARTIRI  MOSTRA visitabile dalle 10 alle 18
  • CONCERTO DI FINE GIORNATE FAI

Domenica ore 18.30 CHIESA SANTA MARIA DI CASTELLO con “VivAlcoro”

La domenica alle 10 messa nella Chiesa di Santa Maria di Castello, LE VISITE proseguono nel Chiostro

PALATIUM VETUS

Palatium Vetus è uno dei più antichi edifici della città di Alessandria. Ha avuto funzione di broletto, nei secoli XIII e XIV, quindi centro della vita politica, amministrativa e giudiziaria del comune medievale.

Si hanno notizie di un costrutto architettonico tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo sulle cui strutture il susseguente broletto si sarebbe addossato sfruttando la muratura preesistente. Nel 1191 si ha notizia di una domus consulum.

In seguito alle molte vicissitudini accorse, nel 1856 il Comune di Alessandria lo cede allo Stato che vi sistema il corpo di guardia del Comando di Divisione. Fino al 1995 l’edificio ha ospitato il Presidio e il Distretto Militare e, dal 1º settembre 2012, è sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che ne ha completamente finanziato il restauro avvalendosi della consulenza dell’architetto Gae Aulenti.

Il complesso di edifici che oggi possiamo ammirare è il risultato di aggiunte e modifiche conseguenti al variare nei secoli delle destinazioni d’uso. Tale processo ha inevitabilmente modificato anche l’aspetto della struttura che si presenta prevalentemente nella sua veste di metà ‘800.

Tuttavia, a seguito dei recenti restauri, sono venute alla luce numerosi elementi architettonici di epoca medioevale. L’antico broletto, di architettura tipicamente lombarda, composto da un portico al piano terreno e da una sala al primo piano è tornato perfettamente distinguibile dopo la rimozione delle pesanti intonacature sette-ottocentesche.

Uno dei due cortili si presenta oggi parzialmente circondato da un portico con archi a sesto acuto. All’interno dell’aula del broletto, al primo piano, sono state rinvenute numerose finestre a trifora tamponate e vari grandi frammenti di affreschi che vanno dal XIII° secolo al XVII° secolo tra i quali quello che raffigura la prima rappresentazione dello stemma della città di Alessandria: una croce rossa in campo bianco.

 All’esterno potremo notare Lapide commemorativa della sottoscrizione dei Cento Cannoni per la Cittadella di Alessandria posta sulla facciata del palazzo

 APPRENDISTI CICERONI: STUDENTI SCUOLA I.C. VIVALDI

Siamo particolarmente lieti di aderire a questa 31° edizione delle Giornate del FAI – afferma il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, notaio Luciano Mariano. Non poteva essere diversamente considerato il valore storico e culturale che Palatium Vetus – con i suoi circa otto secoli di vita, già sede del Comune in età medievale – rappresenta per la città e per il suo territorio. Il Palazzo sarà regolarmente aperto al pubblico che potrà visitare l’antico “broletto” con i capolavori d’arte, la “ghiacciaia” con interessanti reperti archeologici e la mostra “Paesaggi e architetture” ancora in corso nelle sale d’arte. Saranno organizzate visite guidate e particolare attenzione sarà dedicata ai giovani interessati a conoscere la storia della nostra città attraverso la storia di Palatium Vetus, riportato al suo antico splendore da una decina di anni su progetto dell’architetto internazionale Gae Aulenti.

VEDI L’ELENCO DEI LUOGHI DEL FAI 25-26 APRILE