E’ stato presentato ufficialmente al pubblico il bando della IV edizione del “Concorso Nazionale di Poesia Città di Acqui Terme”,   organizzato dall’Associazione Archicultura di Acqui Terme e promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria,  dall’Istituto Nazionale Tributaristi e dalla S.O.M.S. di Acqui Terme con il patrocinio del Comune di Acqui Terme e del Comune di Alice Belcolle.

Il Concorso, che lo scorso anno ha fatto registrare la partecipazione di oltre 358 autori con circa 797 componimenti, è rivolto ad autori di tutte le età, residenti sia sul suolo nazionale che all’estero.

Scopo precipuo dell’iniziativa è quello di promuovere la poesia ed incentivare la scrittura, a partire dai più giovani che, magari per la prima volta, si accostano a nuove tecniche espressive.

E’ possibile partecipare con più elaborati e a più sezioni di concorso, come previsto dalle norme del bando. Le opere dovranno essere inviate alla segreteria del Premio entro e non oltre il 20 aprile 2012.

Le opere delle prime tre sezioni di concorso saranno valutate rispettivamente da docenti di Scuola Primaria, Secondaria di I Grado e Secondaria di II Grado. Per quanto riguarda le sezioni D ed E, i componimenti saranno vagliati da docenti universitari e da poeti. Verranno contattati in tempi utili i soli vincitori e menzionati.

Anche quest’anno, come già avvenuto per la precedente edizione del Concorso, sarà assegnato un Premio della Stampa, conferito da una giuria composta da alcune tra le più prestigiose firme del panorama giornalistico italiano. La scelta dei giurati è stata finalizzata a caratterizzare il Premio per competenza e serietà dei lavori di valutazione, a garanzia della proposta di un buon livello culturale.

Il Premio di Poesia si propone, inoltre, di creare un solido connubio fra cultura e territorio: per questo motivo anche quest’anno, nel corso delle giornate di premiazione, sarà dedicata grande attenzione alla promozione dell’acquese e dei comuni limitrofi, grazie alla valorizzazione delle peculiarità storico-artistiche-ambientali sia attraverso la distribuzione di materiale divulgativo che tramite l’organizzazione di un tour turistico nelle zone collinari.

“I risultati incoraggianti e l’interesse crescente di anno in anno nei confronti del Premio sono indicativi di una proposta che viene accolta con favore dal pubblico degli autori e che incoraggia a procedere nel lavoro – precisa Serena Panaro, Presidente di Archicultura -.

Come ogni anno la scelta dei giurati sarà attenta e volta a mantenere alto il livello di competenza di ogni singola giuria, fondamento e garanzia della serietà che vuole contraddistinguere il Concorso. Un ringraziamento particolare viene rivolto agli sponsors, prima fra tutti la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che con l’Istituto Nazionale Tributaristi e la S.O.M.S. di Acqui Terme permettono ogni anno la realizzazione dell’evento”.

“L’interesse suscitato a livello nazionale, il continuo incremento del numero dei partecipanti e lo stretto legame stabilito con il  territorio – dichiara il Presidente della Fondazione Pier Angelo Taverna – consolidano questo Concorso che, tra l’altro, è promosso da un gruppo di giovanissimi, meritevoli di particolare attenzione e nei quali la Fondazione ripone la più ampia fiducia per la competenza dimostrata e l’entusiamo che li anima. L’acquese è una terra fertile di progetti culturali – primo tra tutti il Premio Acqui Storia, quest’anno alla 45° edizione – che bene si integrano con il suo patrimonio di storia e archeologia, natura e benessere, enologia e gastronomia e che richiedono l’impegno di tutti in una continua opera di promozione e valorizzazione”.