Lunedì 26 settembre alle ore 11,00 alla presenza delle autorità e dei Consiglieri Comunali è stato inaugurato l’edificio polifunzionale “Palazzo San Giuseppe” nel quale, a seguito della ristrutturazione del piano superiore, è stato possibile trasferire temporaneamente le classi della scuola primaria Santo Stefano Martire.

Tali interventi sono soltanto gli ultimi nell’ambito di un progetto di trasformazione ed ottimizzazione dell’edificio, avviato dalla precedente Amministrazione con il rifacimento del tetto e dell’intonaco esterno delle due facciate principali e con il trasferimento, in alcuni dei locali del piano terra, della biblioteca comunale.

Già negli scorsi anni, l’attuale Amministrazione ha sostituito i serramenti esterni e realizzato, al piano terra, la sala mensa per la scuola primaria che, da qualche anno occupava un edificio attiguo al palazzo San Giuseppe, di proprietà della Parrocchia.

Dal 2018 infatti, essendo stato dichiarato inagibile l’edificio scolastico di via Romita, la scuola primaria e la scuola dell’infanzia sono state trasferite “temporaneamente” in locali provvisori in attesa del reperimento dei fondi necessari alla realizzazione del nuovo edificio scolastico per il quale il Comune ha già finanziato e approvato il progetto definitivo.  

L’intervento è stato realizzato utilizzando i fondi del Ministero dell’Interno per investimenti destinati ad opere pubbliche e portato a termine grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria – afferma il presidente, notaio Luciano Mariano – ha partecipato con un contributo al progetto di riqualificazione di Palazzo San Giuseppe che ospita la scuola primaria, in quanto l’istruzione e la formazione sono parte di uno dei settori rilevanti d’intervento dell’Ente. In questa circostanza, il recupero di un edificio polifunzionale utilizzato da bambini era un dovere cui il nostro Ente non poteva sottrarsi. E’ fondamentale che gli alunni, di qualsiasi età, frequentino, in tutta sicurezza, ambienti salubri e accoglienti dove studiare e condividere esperienze formative con i compagni di scuola e gli insegnanti. In quest’ottica, abbiamo rinnovato anche quest’anno il bando “Futura”, riservato alle scuole, che si è concluso alla fine di agosto con la presentazione di numerosi e interessanti progetti.