Avanzo di gestione + 45%, finanziati 278 progetti propri e di terzi nei settori rilevanti, confermati 5.140.000 euro per il 2022.

Alessandria, 28 Aprile 2022 – Il Consiglio Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, presieduto dal notaio Luciano Mariano, ha approvato all’unanimità il bilancio 2021 che si è chiuso con un significativo avanzo di gestione di 7.003.520 di euro che ha fatto segnare un incremento del 45% rispetto all’anno precedente. Questo risultato è stato raggiunto a seguito dell’incremento dei dividendi erogati dalla Cassa Depositi e Prestiti e dalle banche partecipate; delle plusvalenze realizzate con la cessione della partecipazione in Guala Closures Spa e con riferimento alla partecipazione in Banca Sistema Spa nonché per effetto della riduzione degli oneri di gestione riferita, in particolare, alle consulenze esterne.

Il patrimonio netto si è attestato a oltre 212 milioni di euro con un incremento di oltre 2.540.000 euro rispetto al dato registrato nel 2020, grazie agli accantonamenti alla Riserva obbligatoria e facoltativa.

Quanto alle risorse per le attività Istituzionali, si segnala un accantonamento di circa 3,9 milioni, nonché ulteriori circa 500 mila euro al Fondo di stabilizzazione delle erogazioni.

Per l’attività istituzionale si sono resi disponibili ulteriori 1.226.404 di euro derivanti dal risparmio fiscale sul 50% dei dividendi percepiti dagli Enti non commerciali.

A queste risorse si sommano quelle per il sostegno al volontariato tramite il Fondo Unico Nazionale, a cui viene destinata per legge una quota dell’avanzo di esercizio pari a 193.076 euro nonché euro 13.657 per il Fondo nazionale iniziative comuni ACRI.

Le previsioni erogative per il 2022 ammontano a 5.140.000 di euro, con un incremento del 47% rispetto all’anno precedente, coerentemente con quanto anticipato nel DPP, Documento Programmatico Previsionale. In particolare, oltre 4 milioni di euro verranno destinati a progetti ed erogazioni nell’ambito dei settori rilevanti d’intervento (Educazione, istruzione e formazione – Arte, attività e beni culturali – Sviluppo locale ed edilizia popolare – Volontariato, filantropia e beneficenza – Protezione e qualità ambientale) e un milione di euro saranno riservati ai settori ammessi (Salute pubblica e medicina preventiva e riabilitativa – Assistenza agli anziani – Ricerca scientifica e tecnologica – Protezione civile) nella prospettiva di favorire un sostenibile sviluppo economico, culturale e sociale in partnership con le reti del territorio, gli enti non profit e le istituzioni.

Le erogazioni a sostegno del territorio sono cresciute, consolidandosi, dai 3.187.870 euro del 2020 ai 3.500.291 di euro del 2021 (+10%) a fronte di 278 progetti finanziati di cui 99 progetti propri per un totale di 2,850 milioni – pari al 81,43% dei fondi – e 179 progetti di terzi per un totale di 650 mila euro– pari al 18,57% dei fondi.

In dettaglio, con riferimento ai settori rilevanti e ammessi, sono stati realizzati:

  • 46 progetti nel settore educazione, istruzione e formazione per 602.121 euro
  • 130 progetti a favoredi arte, attività e beni culturali con un impegno di 1.440.753 euro
  • 31 progetti orientati a sviluppo locale ed edilizia popolare locale per 236.231 euro
  • 40 progetti per volontariato, filantropia e beneficienza per 801.190 euro
  • 4 progetti nell’ambito di protezione e qualità ambientale per 20.500 euro
  • 4 progetti nel settore ricerca scientifica per 92.700 euro
  • 13 progetti relativi a salute pubblica e medicina preventiva per 185.133 euro
  • 1 progetto a favore dell’assistenza agli anziani per 30.000 euro
  • 9 progetti rivolti alla protezione civile per 91.659 euro

Il Consiglio Generale ha inoltre nominato i nuovi membri in sostituzione dei componenti in scadenza di mandato. Il rinnovo degli Organi ha registrato un considerevole incremento delle “quote rosa” dell’ente, attraverso un rinnovato Consiglio di Amministrazione che ha visto riconfermati Luciano Mariano, Giovanna Debernardi, Egidio Rangone e l’ingresso di Rosanna Balduzzi; il Collegio dei Revisori è composto dalla neo presidente Marinella Lombardi, da Roberto Zanfini e Pier Marco Falabrino, sindaci effettivi; Roberto Francesco Cairo e Melissa Lonetti, sindaci supplenti.

Il bilancio della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria – afferma il presidente notaio Luciano Mariano ha raggiunto nel 2021, anno del trentennale di attività, risultati particolarmente significativi sebbene l’andamento sia stato ancora condizionato dalla pandemia e dalle sue conseguenze sull’economia reale. La Fondazione ha progressivamente ricalibrato le attività previste per supportare il tessuto sociale, sanitario, economico e culturale del territorio, con l’obiettivo di garantire un livello di erogazioni coerente alla programmazione annuale. L’introduzione dei bandi di finanziamento, che sono passati da quattro a cinque, si è confermata una scelta vincente per chiarezza, trasparenza e linearità operativa che ha permesso di attivare nuove collaborazioni tra enti e associazioni che operano sul territorio e finanziare progetti di più ampio respiro. Una oculata strategia di investimento, improntata anche nel 2021 ai princìpi di prudenza, in coerenza con la nostra mission e un’attenta gestione dei costi di gestione ci ha consentito di continuare a rispondere in modo sempre più efficace alle esigenze degli stakeholder.

Desidero ringraziare gli Organi della Fondazione, il Direttore e il Personale per il lavoro svolto, complimentarmi con coloro che sono stati nominati e salutare con stima e riconoscenza Agostino Gatti e Vincenzo Straneo per l’impegno profuso in questi anni nell’interesse della Fondazione.

Il bilancio di esercizio della Fondazione, relativo all’anno 2021, sarà consultabile sul nostro sito, che presenta una veste grafica rinnovata, dopo il recente restyling, con nuove pagine più facilmente fruibili e una sezione interamente dedicata ai bandi a disposizione di enti e associazioni operanti sul territorio nei diversi settori d’intervento.